Il terzo compleanno della Tana è qui!

Il tempo vola… E questo lo sapevamo tutti. Ma vola davvero!

Se ci penso mi sembra ieri il momento esatto in cui nella mia testa è balenata l’idea di aprire un blog – ancora senza nome – per dare uno spazio agli autori emergenti, esordienti e parlare delle mie letture, quelle che ti fanno volare anche se incatenato a terra. Quelle che hanno ali così forti e possenti che le stesse catene si piegano e spezzano al loro cospetto!

Sono cresciuta tanto in questi anni – in questi tre anni – e ho imparato ancora di più del mondo dell’editoria, delle storie, delle agenzie e degli autori emergenti che popolano il nostro pianeta. E la voglia di aiutare, di attuare il mio progetto, di renderlo ancora più forte, non è mutato di una virgola.

Quelle che sono cambiate sono la mia maturità e la qualità nel proporvi gli articoli: ho capito cosa portare avanti, cosa tagliare, e da oggi in poi vedrete diversi cambiamenti a partire dal profilo instagram, ma anche qui nel blog.

Sapete cosa non cambierà?

La voglia di far conoscere le vostre storie, di editare, prendervi per mano e accompagnarvi dai lettori se scrittori o, al contrario, condividere la mia conoscienza sulle nuove pubblicazioni sulla piazza con gli appassionati libromani (i miei dolci tanosi) che mi seguono e sostengono <3.

Sono così emozionata che non so nemmeno bene se sto dicendovi tutto ciò che volevo dirvi, ma sappiate che: scrittori, lettori, blogger o alieni, qui troverete una Tana pronta ad accogliervi e un fuoco per scaldarvi. E tanto tanto affetto!

 

E ora, bando alle ciance,  per festeggiare questo compleanno tanoso *rullo di tamburi* vi presento l’articolo sulle letture che in questi tre anni mi hanno fatto girare la testa: una per anno ovviamente.

 

Tre libri in tre anni *-*

 

Quali saranno i tre libri che mi hanno fatto girare la testa? Quei libri che se non fosse stato per la Tana non sarei mai e poi mai riuscita a scoprire in questo vasto mondo?

Andiamo in ordine.

Per l’anno 2017 ho scelto —> ‘VIETATO LEGGERE ALL’INFERNO’ di Roberto Gerilli.

 

 

Un libro intenso, amato dalla prima all’ultima pagina, una storia che ha catturato anche la parte più oscura della libromane che è in me.

Un libro che parla di libri.

Anzi, no, un libro che parla di un mondo in cui chi legge è etichettato come un reietto della società, qualcuno da aiutare, da rinchiudere e disintossicare.

Non avevo mai letto un racconto simile: dove ho visto la mia paura più grande diventare realtà. Tutti quei libri nascosti e da soli per non essere arsi sul rogo! Penso che avrei pianto per gioni, ma che dico, anni interi alla vista di quella carta sfrigolante e accortacciata su se stessa.

Il tutto con un’esplosione di thriller e avventura.

Per leggere la trama e la mia recensione completa vi rimando al LINK di uno dei primi articoli del 2017: che emozione!

 

***

Per l’anno 2018 ho scelto –> ‘SEEDS: SOGNA O MUORI‘ di Antonio Nunziante.

 

 

Nel 2018 ho conosciuto un Dottore che non dispensava farmaci o cose simili, ma nelle sue ricette rigate di rosso proponeva horror e paura allo stato puro. Sono rimasta colpita fin da subito da questo modo di scrivere, crudo e irruento spesse volte, ma che aveva (e ha) la capacità di farti immaginare ogni cosa i personaggi stiano vivendo sulla loro pelle.

‘Seeds’ non è solo un libro, forse è direttamente uno stato d’animo. La consapevolezza che se chiudi gli occhi quando non dovresti delle mani scheletrice usciranno da sotto terra per lambirti con le loro dita, a stecchetto da anni, per cibarsi delle tue paure.

Se amate l’horror non potete non aver letto una delle opere pubblicate dal Dottor Notte, non è possibile!

Anche in questo caso vi lascio il LINK dell’articolo in cui trovare la recensione e la trama completa.

 

***

 

Per il 2019 ho scelto –> ‘LA FILOSOFIA DI ZORBA’ di Francesca V. Capone

 

 

Chi è Zorba?
Un gatto, direte voi.
Ed effettivamente non posso darvi torto.

Zorba è un gatto e molto altro ancora: è il felino che si nasconde tra le righe di questo romanzo, i cui baffi vibrano alla minima emozione e le sonore fusa scaldano il cuore. Le sue piccole zampe accompagnano Vale e Massi – i protagonisti di questa storia – facendogli strada sul sentiero dissestato della vita. Eh sì, perché in questa vita si cambia, si cresce, si fanno scelte che solo qualche mese prima sembravano così lontane…

La scrittura è ciò che lega i due protagonisti che – insieme ai loro pazzi amici – impareranno a vivere, vivere davvero.

Ecco il LINK per leggere la recensione completa e la trama.

Qui si conclude l’articolo sui tre libri che in tre anni mi hanno fatto sognare fino alle stelle!
Grazie miei autori – tutti gli autori di cui ho parlato e parlerò – di scrivere e di condividere ciò che avete nel cuore con noi #libromanitanosi.

Qui, quindi, si conclude l’articolo, ma non certo le novità: seguite il profilo instagram per essere aggiornati. Altri articoli, post e stories vi aspettano con felicità e libromanosità <3.

Precedente 'Una star all'improvviso' di Manuela Pigna e Mariachiara Cabrini - recensione Successivo 'Il mare negli occhi' di Donatella Rodighiero

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.