‘La luce calda del tramonto’ di Vanna Costanzo – recensione

Finalmente, libromani tanosi, arrivo a parlarvi di un romanzo che mi è entrato dentro per il modo di scrivere dell’autrice e per ciò che hanno vissuto i personaggi, in particolar modo Cindy, la protagonista. Ora vi svelo i punti forza de ‘La luce calda del tramonto’, ma prima eccovi la panoramica.

[Ho avuto l’onore di intervistare tre dei suoi personaggi, qui l’articolo].

 

Titolo: ‘La luce calda del tramonto’
Autrice: Vanna Costanzo
Genere: storico – romance
Formati: cartaceo – digitale
Pagine: 540

Trama:

Pasadena, 1945. A un mese dalla fine della guerra in Europa, per Cindy giunge l’inizio delle vacanze estive dopo il diploma, l’occasione perfetta per dedicarsi al dolce far niente. Tuttavia il destino sembra intenzionato ad avere programmi diversi. Nel frattempo, molti soldati fanno ritorno negli Stati Uniti per ricongiungersi con i propri cari: tra di loro c’è anche il capitano Peter Jones.
Quando in un placido pomeriggio d’estate l’uomo piomba in casa sua, la giovane avverte sin da subito un’insofferenza nei suoi confronti, dettata dal timore che questi possa portarle via l’adorata sorella Alexandra.
Ma l’eroe che ha ammaliato tutta la famiglia Harris, è davvero quel che vuole far credere? E perché gli sguardi che le rivolge sono sempre così ambigui? Forse sarà proprio la scoperta dell’uomo oltre l’uniforme a far vacillare ogni pregiudizio di Cindy: quando dichiarerà guerra al capitano Jones, si ritroverà a fronteggiare una battaglia contro sensazioni sconosciute e mai provate, trascinata in un vortice di sentimenti proibiti e segreti inconfessabili.

Primo volume di una trilogia di formazione ambientata nei decenni più controversi del XX Secolo, quelli che hanno segnato la storia americana e con essa quella del mondo intero. Tra cadute, rinascite, affetti e guerre, l’esistenza di persone come tante costrette a vivere e ad amare in tempi straordinari.

Recensione tanosa

Stringere ‘La luce calda del tramonto’ tra le mani ci fa già rendere conto della cura al dettaglio che l’autrice ha dedicato al romanzo. Cura e amore che si possono vedere dalla copertina, in linea sia con il titolo sia con uno dei tanti messaggi che la storia trasmette, ai simboli scelti per la divisione in capitoli e sottocapitoli. Un consiglio: non sottovalutate nessuna delle scelte fatte da Vanna Costanza perché ognuna di queste vi porterà ancora di più dentro la sua mente.

‘La luce calda del tramonto’ è la storia della crescita di Cindy in un momento delicato non solo per lei che sta diventando adulta, ma per la situazione storica che, suo malgrado, sta vivendo e si ritrova a raccontarci. I capitoli sono in prima persona così da permetterci di salire su un treno diretto per le emozioni, le sensazioni, i pensieri di Cindy, ciò che prova noi lo sapremo sempre, in ogni momento. Anche quando non sarà certa se quel che prova sia Amore ma noi saremo lì, pronti a prenderle la mano, per rassicurarla e sussurrarle che per lei ci saremo sempre. Questo perché lei ne passerà davvero tante e avrà bisogno di tutto il sostegno possibile e noi lettori saremo messi lì proprio per questo!

Non fatevi ingannare dalla lunghezza, non precludetevi questa lettura per paura delle pagine che si susseguono una dopo l’altra inesorabili. Ogni capitolo scorre come burro fuso e, per chi ha bisogno di più pause durante una lettura, ci sono le suddivisioni in sottocapitoli, utili per fare dei piccoli pit stop per poi riprendere più incuriositi di prima.

Nonostante la prima persona, ogni personaggio avrà la sua caratterizzazione e sarà ben diverso dagli altri. Cindy si troverà a vivere ciò che un’adolescente molto spesso si trova a dover comprendere, ma la sua vita sarà ben presto stravolta dal capitano Peter Jones, presentato come il fidanzato di sua sorella Alexandra, e che non smetterà di farle battere il cuore a più non posso. Ciò che ho amato di Cindy, inoltre, sono la sua indipendenza, il suo amore per un cavallo che la accompagna fin da piccola, le sue piccole indecisioni, l’affetto spropositato per la sorella Alexandra (mio personaggio preferito) e la paura per la guerra imminente, perché chi non ha paura di fronte a una tale portata di morte può essere solo sciocco.

Concludo consigliandovi il libro anche per la parte storica contenuta, troverete date, posti, descrizioni, battaglie, ogni cosa come è avvenuto nella storia. ‘La luce calda del tramonto’ è un romanzo storico a tutti gli effetti con una grande componente romantica perché Cindy è in primis una donna che sa amare.

 

 

Precedente 'Falsa partenza e altri racconti' di Sir Arthur Conan Doyle - recensione Successivo 'I Laghi di Stagno' di Gianfranco Italo Tricolore - recensione

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.