‘Il cuore di Novarkandya’ di Daniela Apparente – recensione

Buongiorno libromani tanosi,
qualche giono fa ho concluso una lettura che sto considerando come la migliore fatta nel 2019 in fatto di fantasy 💟. Mi ha catturato dalla prima pagina e non mi ha lasciato stare fino a che non sono giunta all’ultima pagina. Quando non avevo tempo di leggere ero sempre lì a pensare alla storia e se non avevo voglia di leggere niente, Il cuore di Novarkandya sapeva convincermi ad andare avanti!

 

Caratteristiche del romanzo

 

Titolo: ‘Il cuore di Novarkandya’

Autore: Daniela Apparente

Editore: Lettere Animate

Genere: fantasy

Caratteristiche: carteceo – digitale – 196 pp.

Trama: Sareste pronti a rinunciare all’unica cosa per cui avete scelto di combattere? Mirsha è convinta che sia questa l’ultima strada rimasta per salvare i propri compagni e la loro città. Da quando il guerriero Senza Nome ha invaso Varenia, la terra di Novarkandya ha iniziato la propria discesa nel caos. E così anche la vita della protagonista, vittima – e padrona – di un demone che prende possesso del suo corpo: la leggendaria Serpe Alata. In una corsa contro il tempo, Mirsha e i Ribelli di Varenia si ritroveranno a riscoprire l’oscuro passato di Novarkandya e la vera natura di chi è parte di essa. 

 

 

 

Recensiona Tanosa.

 

📕 Entriamo nella trama.

Dalla prima pagina ci troviamo subito immersi nel mondo e nei problemi di Novarkandya, questo grande luogo creato dalla mente dell’autrice. Il Senza Nome ha conquistato la città di Varenia e ha in mente di ampliare il suo potere ben oltre questo possedimento: ciò che vuole è fare suo ogni millimetro di terra e distruggere ogni cosa. Lui è caos e maledizione.

C’è un’antica profezia che potrebbe aiutare la protagonista a capire chi è lei, cosa può fare per il mondo che ha imparato ad amare e sopratutto scoprire cos’è quella forza che sente scalciare e nascere dentro di lei.

 

[…]quel che muore e che cambia è nel cuore di Novrkandya.

 

 

Che significato hanno queste parole che Astor continua a ripetere a Mirsha? Lei, la protagonista di questa storia, circondata da amici fedeli ed eroi pronti a tutto pur di aiutarla, e lui, vecchio testardo, che decise di accoglierla tanto tempo prima, quando da bambina lei vagava senza meta.

Il Senza Nome e Mirsha sono terribilmente legati, in un modo che solo la profezia potrà spiegarle e il filo che li unisce così spesso che solo un sacrificio potrà cambiare le cose. Ma da parte di chi?

Mirsha intraprenderà un viaggio per conoscere la verità, giungere alla città di Heuron – da tempo nascosta e creduta solo un’antica leggenda – dove imparerà ciò che Astor le ha tenuto segreto. Forse solo per proteggerla…

 

📕 Descrizione e Personaggi.

 L’autrice ha la capacità di far muovere diversi personaggi insieme, grazie alla scelta del narratore esterno percepiamo cosa sente o vuole ognuno di loro. I loro nomi sono tantissimi, tra i diversi mi vengono in mente Mirsha, Astor, Zack, Tegh, Hars, Denn ma sono veramente di più ad essere descritti nella storia. La cosa che più mi ha colpito è che ognuno di loro ha una propria storia dietro le spalle e ha un grande perché all’interno delle vicende di Mirsha e del Senza Nome.

Non posso negare che l’ago della protagonista pesi verso Mirsha, tutto ciò che leggiamo non sarebbe stato nemmeno creato senza di lei, ma le azioni dei personaggi sono un incastro perfetto per giungere poi alla fine. 

Daniela Apparente non smetterà mai di farci stare in ansia per i suddetti protagonisti, tutti quanti, senza esclusioni di colpi di scena e di passati che risalgono a galla facendo sprofondare poi con essi tutti, lettore compreso.

Le decrizioni, inoltre, sia di personaggi che di battaglie e viaggi sono state ben amalgamate con il testo. Come dicevo giorni fa con l’ausilio delle storie di instagram, durante gli sconti non troverete solo i nomi dei personaggi che si stanno scontrando e la morte o le ferite di uno dei due, no, avrete la telecronaca di ciò che sta accadendo. Questo denota anche una conoscenza, una ricerca che l’autrice ha fatto prima di scrivere, di armature, affondi e tecniche di combattimento. Il tutto, a mio avviso, per rendere più reale la storia.

 

 

📕 Le faccine delle emozioni.

Non è difficile intepretare le mie faccine delle emozioni: il libro mi è particolarmente piaciuto ed era da un po’ che cercavo un fantasy del genere, che mi prendesse tanto, senza sospettare che si trovasse già nella mia wish list!

Ho amato gli elementi fantasy e il modo dell’autrice di amalgarli insieme alla storia che aveva creato per Mirsha e i suoi compagni. La Serpe Alata, la profezia, i Draghi, gli spiriti draghi e le loro evoluzioni, ho apprezzato tutto ^-^-

Confesso che un po’ mi sarei dovuta aspettare l’amore che avrei provato per la storia avendo già letto un altro romanzo – tempo fa – dell’autrice, che però è di genere completamente diverso. Vi lascio il link che dite? ‘Colazione Internazionale’

 

 

Precedente Intervista all'autore Guido Vianello Successivo Sam Schaytu autore di 'Anima Leggiadra' - intervista

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.