Intervista all’autore Guido Vianello

Buongiorno libromani tanosi,
pronti per una nuova intervista all’autore appartenente al progetto di Io Leggo Autori Emergenti?

Inoltre vi ricordo che se scegliete di leggere emergente non potete non visitare la Bookshop – letture d’esordio e innamorarvi dei titoli in vendita!

Oggi vi parlerò di Guido Vianello!

 

L’intervista

  1. Ciao Guido, un saluto da parte mia e da chi ti seguirà grazie alla Tana! Per prima cosa vorrei chiederti quando è nata la tua passione per la scrittura e da cosa si è sviluppata?

Mentre l’amore per la lettura mi accompagna da sempre, la voglia di scrivere è sorta più di recente. Tutto è iniziato alcuni anni fa, con la scelta di frequentare un Laboratorio di scrittura: all’inizio c’era solo una forma di curiosità intellettuale, e ne è invece scaturita una passione vera. Poi da cosa è nata cosa, fino alla pubblicazione del mio primo libro di racconti.

 

2. Le indagini del tuo Commissario Silvestri si svolgono a Venezia, c’è un motivo preciso per cui la tua ispirazione ha scelto proprio questa città?


Si tratta della mia città, il luogo degli accadimenti più importanti della mia vita. Negli anni ho avuto la possibilità di conoscerne da vicino i vari volti, quelli insulari e quelli sulla terraferma: sono un veneziano “de aqua e de tera” come diciamo noi. Quella della Venezia metropolitana è una realtà articolata, ma la sua complessità deve poter diventare un fattore di forza, che permetta alla città di affrontare le sfide della modernità.

 

3. ‘I racconti del Commissario Silvestri’ è l’insieme delle tue storie thriller, come hai avuto l’idea per il Commissario? C’è qualcosa di autobiografico in lui o tutto è frutto della tua fantasia?

Spesso lo scrittore di gialli parte dal genere e ad esso adatta la descrizione della realtà che lo circonda. Nel mio caso è avvenuto il processo inverso: ho preso le mosse dall’ambiente e dalle vicende contemporanee, provando a veicolare questa narrazione attraverso i meccanismi e le emozioni del thriller: saranno ovviamente i lettori a giudicare se è stata un’operazione riuscita.
Quanto a Silvestri… in tutto ciò che scriviamo c’è un po’ di noi! Sicuramente condivido con il personaggio delle sensibilità e perfino alcune nostalgie, ma non credo che il suo mestiere sarebbe stato adatto a me: di un poliziotto mi sono limitato a sposare la figlia!

 

 

4. Ti lascio questo spazio libero. Parlaci dei tuoi romanzi, dei tuoi prossimi lavori e progetti e, se ti va, lasciaci anche i link utili a seguirti. Così sia io che altri potranno trovarti nel vasto mondo del web. 

Sto ultimando il secondo libro di indagini di Silvestri e spero che possa uscire prima dell’estate. Per il dopo, l’idea più ricorrente è di cimentarmi con il romanzo storico, magari attingendo all’immenso patrimonio artistico e culturale che Venezia ha prodotto nei secoli: senza perdere di vista quanto accadde nei tempi in cui viviamo.
Ti ringrazio molto per questa intervista e approfitto del tuo invito per indicare, a chi sia interessato, l’indirizzo Facebook del libro di Silvestri.
Aggiungo anche quello dell’Editore, ML- Mazzanti Libri- ME Publisher, che ne ha curato la pubblicazione..

https://www.facebook.com/I-racconti-del-Commissario-Silvestri-2013935495528224/

https://www.facebook.com/mepublisher/

 

 

Al dì dell’intervista non ho letto le storie di Guido, ma spero di poterlo fare presto 😊
Buona lettura!

Precedente 'Il mistero di Virginia Hayley' - intervista all'autore Successivo 'Il cuore di Novarkandya' di Daniela Apparente - recensione

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.