‘Vuoi conoscere un casino?’ di Alex Astrid – Vi presento Giulia

Ho avuto il piacere di conoscere di persona, anche se veramente per poco, l’autrice di ‘Vuoi conoscere un casino?’ e da subito mi è apparsa come una persona con dentro milioni – anzi miliardi – di cose, di emozioni, di sensazioni da scrivere e da far arrivare al lettore. Potete leggere la sua intervista qui, proprio in un articolo della mia Tana 🤩.

Non sono però, oggi, qui per parlarvi di lei, almeno non direttamente e nemmeno del suo romanzo in generale, ma di un personaggio particolare della storia: Giulia e il suo essere un’amica speciale per Alex nel suo personale casino.

 

 

La prima cosa da precisare – anche se poi vorrei approfondirlo nella recensione che arriverà a breve – è che il romanzo è un flusso di coscienza della stessa autrice. Alex Astrid è uno pseudonimo da lei usato e nel romanzo viene apostrofata come Gio’, il suo nome Giorgia.

Il libro nasce in un momento molto particolare della sua vita, uno di quelli in cui ogni cosa sembra precipitare in un secondo, uno di quelli in cui nemmeno la musica sembra salvarti… Gio’ si trova a dover affrontare la perdita di qualcuno che le è vicino, sua cugina, e ogni altra conseguenza che viene dettata dall’essere vivi, pieni d’amore e in cerca dell’altra metà.

Alex trova un modo tutto suo, uno sfogo, per ritornare a vivere, sorridere o, semplicemente, uscire: scrivere. Prende carta, penna, ovunque lei sia, e scrive lettere che rivolge a Martina, la cugina che l’ha lasciata davvero troppo presto.

 

Trama:

Un po’ “Il giovane Holden” e un po’ “I ragazzi del muretto”: “Vuoi conoscere un casino?” è un affresco potente del mondo dei giovani di oggi che vivono alla periferia di una grande città. È la storia di una metamorfosi, di un viaggio. Il viaggio che ogni ragazzo deve affrontare per diventare grande.

 

 

E qui veniamo a chi rimane ed è da sempre vicina a Gio’, una di queste figure è proprio lei – Giulia – la ragazza di cui vi parlerò. Dalle descrizioni che l’autrice le riserva, Giulia è una ragazza solare, istintiva, molto bella e con un rapporto un po’ complicato con la madre.
Diciamo un mix perfetto di molti adolescenti che si nasconodono dentro e fuori di noi, non dimentichiamo infatti l’età dei protagonisti di ‘Vuoi conoscere un casino?‘: Gio’ e diversi dei suoi amici sono quindicenni o poco più grandi.

 

 

Ho scelto questa citazione per condividere con voi la parte di Giulia che mi è apparsa più matura e che ho apprezzato di più: il suo essere un’amica così speciale da accompagnare Gio’ verso quell’ignoto che le attenagliava lo stomaco, ma che sapeva di dover affrontare.
Lei c’è sempre stata e l’ha sostenuta, anche quando Gio’ non era certa di cosa voleva perchè, diciamocelo chiaro, molto spesso è molto più importante avere qualcuno a cui appoggiarsi piuttosto che vedere dove ci condurrà la strada che ci si srotola davanti come un gomitolo insicuro.
Giulia c’era sempre, nelle scene in cui uscivano al centro commerciale, in montagna, quando erano sedute su un terrazzo a leggere o Gio’ stava con il cuore in mano scrivendo a Martina… Giulia è stata una presenza fissa della storia di ‘Vuoi conoscere un casino?‘.

Forse perché è un casino anche lei: proprio come Gio’, proprio come me, anche lei ha un casino dentro e, forse, il casino lo avremo sempre ma è così che si esprime ciò che abbiamo dentro. È così che si cresce, si decide cosa portare avanti con sé e cosa lasciare indietro, cosa inglobare nel nostro casino e cosa, invece, abbandonare.

Giulia fa parte di quel grande cerchio di persone che Gio’ ha accanto mentre libera se stessa dalle paure e dalle incertezze che sono cresciute in lei con la tragedia di Martina, le è stata accanto quando ha vissuto delusioni, gioie, ogni momento della sua vita.

Il pensare che è tutto vero, proprio come quando finisco un film dove vi è la fatidica scritta ‘tratto da una storia vera‘, mi fa uno strano effetto. Non so ancora decifrarlo, non è una brutta sensazione, questo no, ma sono emozioni, pensieri, riflessioni, una miriade di se e ma che mi vorticano in testa mentre penso a come crescere sia, effettivamente, difficile e che possa capitare in ogni momento. La miccia che accende questo viaggio è sempre in agguato… E poi, la verità? Il viaggio non credo finisca mai!

 

 

La musica è importante in ogni passo della nostra vita, la melodia si insinua nella nostra testa quando meno siamo pronti per riceverla.

Nel leggere ‘Vuoi conoscere un caisno?’ e, nello specifico, del rapporto tra Giulia e Gio’, le parole che mi risuonavano in testa erano quelle di ‘Un cuore in due‘ di Francesca Michielin.

Non fraintendemi, so che è una canzone d’amore, ma se si fa attenzione a leggere al di là di questo si possono trovare delle bellissime parole di affetto, di imparare a convivere con l’altro, di capire quando l’altro ha bisogno di noi… L’avere un cuore in due non può essere anche in una forma di amore così forte come l’amicizia tra Giulia e Gio’. Un rapporto in cui entrambe ci sono per l’altra, in cui ci si conosce così bene da sapere quando è il momento di tacere e quando è un solo abbraccio quello che ci vuole?

L’amicizia non è forse una forma di amore?

 

Questo mio articolo fa parte di un grandioso blog tour organizzato proprio per far conoscere di più ai lettori ‘Vuoi conoscere un casino?‘, perciò ci sono altre tappe da leggere e spulciare per conoscere meglio il romanzo.

 

Le regole per partecipare al giveaway sono le seguenti:

 

  • iscriviti ai blog che ospitano le tappe;
  • commenta almeno tre tappe (lascia il tuo nome e un contatto in almeno un commento);
  • condividi almeno una tappa su Facebook o Instagram.

 

In palio una copia di VCUC con dedica.

Vi aspettiamo super-numerosi 😍😍😍!

 

Titolo: Vuoi conoscere un casino?
Autore: Alex Astrid
Editore: Edizioni il Ciliegio
Collana: Teenager
Pagine: 284
ISBN/EAN: 9788867712878

 

Il romanzo è in vendita su Amazon e IBS a 2,99 euro in ebook e 14,45 euro in cartaceo.

 

TRAMA:

Un po’ Il giovane Holden e un po’ I ragazzi del muretto: Vuoi conoscere un casino? è un affresco potente del mondo dei giovani di oggi che vivono alla periferia di una grande città. È la storia di una metamorfosi, di un viaggio. Il viaggio che ogni ragazzo deve affrontare per diventare grande.

Giorgia è una sedicenne della provincia di Milano, scrive a Martina, la cugina morta pochi mesi prima in un incidente d’auto. Martina diventa così “un diario”, un’amica invisibile che accoglie tutte le confessioni e gli sfoghi di Giorgia. La prima lettera è datata 5 febbraio 2014 e narra gli avvenimenti accaduti subito dopo la scomparsa di Martina. Nelle lettere successive Giorgia racconta la sua vita: la famiglia, gli amici, gli amori, ma anche le delusioni e le grandi e piccole gioie. La ragazza racconta soprattutto la storia di un viaggio interiore che la porta fino alla liberazione delle proprie paure e incertezze.
In Vuoi conoscere un casino? c’è tutto il mondo dei giovani di oggi, senza filtri e ipocrisie.

 

 

Precedente 'Aganta. Racconti di uno spirito greco' di Spyridon Trousas - recensione Successivo 'A Christmas Carol' - la nuova versione della Caravaggio Editore

8 commenti su “‘Vuoi conoscere un casino?’ di Alex Astrid – Vi presento Giulia

  1. Maria Grazia Murgia il said:

    Hai proprio ragione…l’amicizia è una vera e propria forma d’amore! Un rapporto così intenso “in cui ci si conosce così bene da sapere quando è il momento di tacere e quando è un solo abbraccio quello che ci vuole” so che esiste, ma è difficilissimo da trovare.

  2. Luigi Dinardo il said:

    Concordo con voi, una vera amicizia è davvero un sentimento da portare avanti per tutta la vita, e mi piace il mondo in cui tutto questo viene rappresentato in questa tappa e, chissà. nel romanzo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.