Vi presento l’editore Poliniani.

Buongiorno libromani tanosi del mio cuore,
oggi sono pronta a lanciare il mercoledì delle interviste con un editore che ho conosciuto grazie ad instagram 😍. Si tratta di Poliniani che potete trovare tranquillamente nel social o cliccando qui, così che possa rimandarvi al suo sito ufficiale.

Dovete sapere che è un editore con tante novità, molte delle quali riguardano il format di lettura, quindi il come risulta fuori dal processo di pubblicazione la storia. Un esempio? ‘La fontana del Distacco’ di Intimo Distacco già recensito nella Tana.

 

© Poliniani

Intervista

 

 

 

 

1.Gentile Corrado sono molto felice di far conoscere meglio da chi mi segue la vostra realtà Poliniani. Iniziamo subito con una domanda diretta: come definireste il vostro progetto se doveste rispondere a tutto tondo?

Buongiorno, innanzitutto grazie per questa opportunità. Poliniani è una realtà eteronegea che ha come focus l’innovazione del settore editoriale. Quello dell’editoria è un mondo articolato e sfaccettato con innumerevoli problematiche e alcune difficoltà, ma che genera grandi gioie e passioni nei lettori così come negli operatori di settore. Inizialmente ci siamo concentrati sul problema ambientale legato al macero. Ogni anno vengono macerate tonnellate di libri poiché invenduti nel tempo che il marketing si era prestabilito. Questo per noi è inconcepibile. Per questo motivo abbiamo inventato il formato QUART – nostro fiore all’occhiello –  e abbiamo contestualizzato il formato a dorso per edizioni specifiche evitando magazzino e, soprattutto, macero e sprechi.

 

2. Il vostro punto forte è, quindi, QUART.

Com’è nata questa idea? Potreste descriverla nel dettaglio?

Certamente. Il QUART  nasce nel 2015 come esigenza di risolvere il problema del macero e di rendere più efficiente e pregevole la filiera produttiva del libro riducendo il passaggi industriali ed aumentando la qualità dei materiali utilizzati. Tecnicamente, un classico formato a dorso necessita di anche trenta passaggi in sofisticati macchinari tipografici che hanno costi di gestione e attivazione molto elevati. Il QUART sposta l’editoria dal mondo industriale a quello artigianale: ogni nostro volume è tagliato, rilegato, numerato e confezionato a mano. La riduzione dei passaggi produttivi ci permette di utilizzare carte di lusso Cordenons Stardream per le copertine ed una carta FSC da 200 grammi per le pagine interne.

Ha accennato all’interattività. QUART è l’unico formato di libro realmente interattivo poiché, come ha anticipato, è possibile far parlare comodamente la pagina 3 con la 13 e subito dopo la 3 con la 30. Questa non è una caratteristica da sottovalutare poiché può ridurre drasticamente un problema che coinvolge tutti: la memoria a breve termine. Inoltre abbiamo molte testimonianze di professori e docenti che dichiarano che il formato QUART può aiutare i DSA.

 

3.Qual è stata la prima vera stampa che avete fatto con questo formato?

Il primo volume realizzato è una raccolta di poesie dal titolo “Homo Naturlais” dell’artista Giuseppe Gamba.

 

4.Dove possiamo trovare i vostri autori? Librerie? Fiere?

Ogni nostro volume è ordinabile in qualunque fumetteria d’Italia e qualsiasi libreria (indipendente o di grandi gruppi quali Feltrinelli e Mondadori) oltre che su Amazon e su Poliniani.com

 

5.Per concludere vorrei chiedere quali sono i vostri progetti futuri. Con cosa pensate di sorprenderci ancora?

Come sa il 15 marzo è uscita la prima parte del fumetto di Quei Due Sul Server (ancora bestseller su Amazon e IBS), a maggio uscirà il fumetto di Culombo ed altri Instaquarter sono in arrivo. Cercheremo inoltre di addentrarci sempre più nel settore dell’Istruzione e dell’Educazione. Stiamo lavorando duramente per fare in modo che la nostra mission echeggi in ogni luogo dell’editoria e per farlo parteciperemo a grandi manifestazioni, creeremo eventi importanti e… Beh di questo non posso ancora parlare. Ci vediamo a La Spezia il 4 e 5 maggio

 

© Poliniani
Precedente 'Viola di notte' di Ilaria Bianchi - bookabook Successivo 'Resta ancora per un pò' di Federico Lorenzi - recensione

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.