‘Petrademone – Il libro delle porte’ di Manlio Castagna

‘Petrademone – Il libro delle porte’ è un volume che mi è capitato di vedere diverse volte in libreria, fino a che, ad un certo punto, non ho più resistito e me lo sono portata a casa. Ciò che mi ha da subito colpito è stata la copertina: avete visto che bel blu?

Sarà che adoro questa tonalità e tutte le sue sfumature, sarà che adoro i cani, sarà che adoro questa grafica, ma la Mondadori con me ha fatto centro ?.

Vi lascio le caratteristiche di questo primo volume e poi alla #recensioneTLS.

Titolo: ‘Petrademone – il libro delle porte’

Autore: Manlio Castagna

Casa editrice: Mondadori

Genere: fantasy

Caratteristiche: cartaceo – digitale – audiolibro – 259 pp.

Recensione ‘Petrademone’

La storia inizia con Frida, la protagonista di questa storia in cui l’amicizia, gli affetti e l’empatia contano molto di più di tutte quelle cose superficiali con cui siamo quasi costretti a convivere. L’amicizia non solo con le persone, ma anche con i cani di Petrademone che purtroppo iniziano a sparire senza alcuna spiegazione razionale. Le indagini della ragazza e dei suoi nuovi amici Tommy e Gerico – i gemelli più diversi e tosti che ci siano – vertono proprio sulla scomparsa dei loro amici a quattro zampe, sopratutto su Pipirt, il cagnolino dei gemelli, e i cani di Petrademone, la tenuta dove Frida si è trasferita dopo la morte dei suoi genitori.

Petrademone è di proprietà dello zio Barnaba – fratello della mamma di Frida – e della moglie Cat. I cani scomparsi sono dei border collie davvero speciali e unici; ognuno ha delle proprie caratteristiche e un posto speciale nella storia, come nel cuore dei protagonisti. Quando iniziano a sparire, lo zio Barnaba inizia a fare delle ronde ogni sera per ritrovarli e capire cosa sta accadendo, non solo ai suoi cani, ma a tutti quelli del loro paese e non solo… Chi può mai portare via degli amici così fedeli?

Tommy e Gerico devono scoprire dove sia andato a finire il loro Pipirit e così, quasi senza rendersene conto, si imbattono in un’avventura grandiosa e pericolosa: trovare il libro che li condurrà verso una porta che è sì entrata ma mai uscita. Ecco cosa recita in alcuni versi la poesia che riusciranno a leggere (non vi dico come, se non che è molto ingegnoso xD) direttamente dal libro delle porte:

Questa non è l’unica poesia – indovinello che troverete all’interno della storia, tutto è studiato nei minimi particolari nella narrazione: il libro, la porta, il compito dei cani e il mistero che si srotola piano piano mentre noi veniamo immersi in questa nuova lettura.

‘Petrademone – Il libro delle porte’ è  un’avventura magica che ho amato dalle prima pagine: i personaggi sono fantastici, forse alcune cose un minimo stereotipate, ma è questo il bello: il vedere come l’autore abbia portato avanti la storia e i personaggi stessi. Frida, Tommy, Gerico e Miriam mi hanno fatto compagnia in questo loro viaggio alla scoperta di ciò che sta capitando nel loro mondo, ma anche in loro stessi, e non vedo l’ora di poter prendermi il secondo volume.
Il primo è finito in un modo che per Gerico non deve essere sembrato tra i migliori…
Cosa mai accadrà?

Cosa ho provato leggendo?

Le emozioni della lettura sono state più che piacevoli e appassionanti: sono stata presissima dalla vicenda di Petrademone. Questo primo volume è servito molto per spiegare la situazione e a presentare i personaggi, sono certa che la spiegazione del mistero – e quindi tanti altri colpi di scena – saranno presenti tra le pagine del secondo. Le sorprese non sono di certo mancate, come i battiti di cuore per la scatola dei ricordi. Frida ha subito un’enorme perdita e la scatola dei ricordi è il suo modo per non dimenticarsi mai dei suoi genitori, di quei piccoli e grandi momenti passati insieme, di quei particolari che rimarranno impressi per sempre nella sua mente e nel suo cuore. Una specie id vaso di Pandora, ma inverso e con cose piacevoli all’interno.

Ricapioliamo le caratteristiche del romanzo con la trama ^-^-.

Titolo: ‘Petrademone – il libro delle porte’

Autore: Manlio Castagna

Casa editrice: Mondadori

Genere: fantasy

Caratteristiche: cartaceo – digitale – audiolibro – 259 pp.

Trama: Frida ha appena perso genitori in un incidente del quale si sente responsabile e viene mandata a Petrademone, la tenuta degli zii, scenario di misteriosi avvenimenti: gli amati border collie di famiglia sono spariti e tutte le notti una strana nebbia avvolge i prati circostanti la casa, portando l’eco di voci inquietanti. Insieme a tre amici, la ragazza scoprirà l’esistenza di un mondo parallelo e malvagio e di essere la “prescelta” per una missione dalla quale dipenderà il destino dell’umanità intera. Età di lettura: da 10 anni.

Precedente 'Fairy Oak' la trilogia' - recensione. Successivo 'Vecchio circo Zanin'di Riccardo Zanin - recensione

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.