Intervita a Orso B. e Biancoblu di Gabriele Carpinteri

Siamo ormai agli sgoccioli, voltiamo l’angolo ed eccolo lì: Il Natale! C’è chi lo attende con ansia, chi sente il proprio cuore battere solo nel vedere le luci e chi, più per un motivo che per un altro, si ritrova ad essere indifferente.

Io sono tra coloro che gioisce per le luci e lo stare insieme, ma anche tra chi cerca di trovare, anzi di scovare, quei regali che – non per forza costosi o materiali – possano far felici gli altri. È qualcosa che non si dovrebbe fare solo a Natale, lo so, ecco perché colgo l’occasione per ricordarvi che ciò che vedete in questo Blog, se vi piace, potete semplicemente richiederlo perché non è richiesto compenso.

Sono stra-felice di fare regali, come questo che segue fatto per un autore diventato amico e che spero di poter contattare ancora e ancora…

 

SENTI CHI PARLA:

ORSO B. & BIANCO BLU DIRETTAMENTE DAL ROMANZO DI GABRIELE CARPINTERI.

 

Di solito sono abituata a lanciare interviste agli autori, ma con la rubrica voce ai personaggi capita sempre più spesso che l’incontro lo abbia con i personaggi dei romanzi letti. Anzi, è come se i personaggi senza l’autore tra i piedi possano, come dire, essere più liberi 😉

Questa volta sono in missione per andare a trovare Orso Balordo e BiancoBlu, alcuni dei protagonisti del romanzo di Gabriele Carpinteri, dal titolo Orso B. L’equilibrio delle Terre.

 

Ed ecco che da lontano mi sembra di scorgere i due litiganti, dico litiganti perché sembrano proprio star bisticciando.

“Ehi voi due, di che state parlando?”

Orso Balordo: “Ehi! Vuoi proprio saperlo? Siamo di nuovo nei guai, tutta colpa sua!”

BiancoBlu: “Mia? Non dire sciocchezze, è il destino che a volte fa brutti scherzi, ma come sempre riusciremo a farcela! Giusto?”

Orso Balordo: “Hai ragione, ma sei stato tu a coinvolgermi in questa storia! Uff…”

BiancoBlu: “Forse perché sei il… Lasciamo perdere.”

“Un momento, non ci capisco niente! Volete spiegarmi meglio?”

Orso Balordo: “La regina ha organizzato un grande evento e son venuti esseri da ogni regno, anche dalle terre più lontane. BiancoBlu ha insistito che io partecipassi ed eccoci ritrovati in una nuova disgrazia. Ovviamente ci sono sempre la Parche in mezzo: inizio ad odiare quelle donnacce… e poi sono così brutte!”

BiancoBlu: “Riguarda la profezia di Dengh, credo che tu ne abbia sentito parlare. Esso è il drago che ha creato i cristalli. Lo ha fatto per salvaci da qualcosa di molto pericoloso, lo stesso per cui adesso stiamo correndo questo pericolo…”

“Quindi adesso siete coinvolti in un’altra avventura?”

Orso Balordo: “Proprio così… Non sappiamo ancora cosa succederà, ma lo scopriremo (scoprirete) presto.”

Sedendomi mi rendo conto di come Orso B. sia veramente enorme, ero consapevole che fosse un orso ovvio, ma non pensavo fosse così grande e BiancoBlu è veramente…. Blu!

“Ragazzi, prima che torni l’autore, come potreste riassumere il vostro viaggio per cercare alcuni importanti cristalli? I lettori non vedono l’ora di sapere a cosa servono e perché sono così importanti”.

BiancoBlu: “Come ben saprai nelle nostre terre son successe cose molto strambe: si dice che gli Dei avessero mandato una maledizione per punire le cattiverie della regina Mordella, altri dicono che quest’ultima fosse infuriata con gli Dei, in particolar mondo con Zeus, perché era convinta che lui avesse rapito sua sorella maggiore per poi sposarla.

I cristalli mantengono l’equilibrio delle terre, in quanto ognuno di essi contiene il potere di un elemento essenziale: acqua, fuoco, vento, etc. Mordella aveva incaricato a due suoi sudditi di trovarli cosicché il suo esercito di stregoni insieme alla forza dei cristalli sarebbe riuscito sconfitto gli Dei. Ma era così assetata di vendetta che non pensò affatto alle conseguenze: una volta sottratti dal luogo in cui erano custoditi, i cristalli esaurivano man mano il loro potere e l’equilibrio delle terre sarebbe cessato, creando ancora più caos di quanto ve ne fosse già. Impossibile descrivere tutte le scene… è stato terribile!”.

Annuisco interessata senza riuscire a distogliere lo sguardo da BiancoBlu.

“Senti devo chiedertelo, perché sei Blu? Cioè io in realtà lo so, ho letto il romanzo, ma voglio sentirlo spiegato da te” lo guardo un po’ indecisa e poi congiungo le mani come fossi in preghiera. “Ti pregooo!”

BiancoBlu: “Quando ero solo un apprendista stregone, il mio maestro “il vecchio Virtus”, ci portò nella famosa spiaggia di Cinlìo per tenere una lezione all’aperto. Non era la prima volta: adoravo quel tipo di lezioni, mi sentivo così libero!

Quel giorno propose di scambiare il colore tra due oggetti, ma avendo già fatto questa magia molte altre volte volevo stupirlo con qualcosa di unico, così decisi di fare un incantesimo che sarebbe andato ben oltre le sue aspettative: presi delle foglie cadute dagli alberi con diverse sfumature di arancione (essendo autunno erano quelli i colori protagonisti del periodo) e ne feci una collana che indossai dopo aver tolto i vestiti. In seguito portai le mani al cielo e ripetei ad alta voce la formula magica.

La mia mano destra emanò una luce roseo-arancio che continuava ad uscire mentre la mia mano sinistra iniziò ad assorbire il colore del cielo. Ero riuscito a scambiare il colore della mia pelle e della collana con quello del cielo! Il maestro rimase sbalordito del mio capolavoro, ma qualcosa però andò storto: nel tentativo di ripristinare i colori, la mia collana di foglie si frantumò per un piccolo incidente di un altro allievo e i colori non riuscirono a ripristinarsi come avrebbero dovuto.

Morale della storia? La mia pelle rimase color blu e il cielo di Cinlìo ad ogni tramonto rimase uno spettacolo che attira tutt’oggi un’infinità di turisti.

Avreste però dovuto sentire le urla del vecchio Virtus!”

“Una domanda per concludere, cosa vi piace del vostro amico? Quindi, Orso B. cosa apprezzi di BiancoBlu e tu BiancoBlu cosa apprezzi di Orso B.?”

Orso Balordo: “Da quando lo conosco non faccio altro che trovarmi nei pasticci, ma è pur vero che grazie a lui trovo sempre la forza e il coraggio per andare avanti. Insomma lui è un vero amico. Per me rappresenta l’amicizia in tutto e per tutto!”

BiancoBlu: “Non ti facevo così tenero! Di solito sei molto scorbutico, irascibile e ti lamenti per tutto quello che ti capita! Mai nonostante tutto ti voglio bene così come sei, anche se in fondo sappiamo benissimo che non sei affatto così! Sei un grande!”

Mi guardo intorno e vedendo che dell’autore ancora non c’è traccia, tento con un’altra domanda.

“Com’è stato essere umani?”

Orso Balordo: “È stata un’esperienza particolare. Ritrovarmi in un altro mondo in un corpo da umano e con l’amnesia non è di certo uno dei ricordi più belli, ma ho imparato molto da ciò. Stavo finalmente vivendo una vita tranquilla ma in realtà dopo si è complicato tutto!”

BiancoBlu: “Come dargli torto. Ho vissuto il suo ritorno insieme a lui e posso confermare che non è stato un bel rientro. Porta ancora qualche cicatrice che sta cercando di curare… Tornando alla domanda, io non sono mai stato un vero umano. Il mio corpo non ha subito alcun cambiamento quando son…”

“Oh no! Sta giungendo Gabriele Carpinteri, devo scappare. A presto e grazie!”

Corro, nuovamente, in fuga dall’ennesimo autore, com’è dura la vita dell’intervistatrice di personaggi!

 




 Qui si conclude un’altra intervista ai personaggi e di seguito trovate trama e copertina del romanzo! Mi raccomando cliccate sulla copertina per essere rimandati al link di Amazon!

I misteri di cui parlaimo nella nostra chiacchierata: orsi che diventano umani, cristalli che esauriscono il loro potere, come biancoblu sia diventato bianco e blu… Tutto tra le pagine di ‘Orso B. e l’equilibrio delle terre’ di Gabriele Carpinteri!

Orso Balordo, dopo essersi svegliato dal letargo, si accorge di uno strano luccichio proveniente dalla parte più tetra della grotta in cui ha trascorso l’inverno. Spinto dalla curiosità, decide di avventurarsi al di là di una vecchia porta che lo guiderà in un luogo oscuro.Grazie all’aiuto dei suoi nuovi amici, che incontrerà durante il viaggio, l’orso sarà spinto a risolvere una serie di problematiche causate da una regina meschina intenta a dichiarare guerra agli Dei, i quali si dice abbiano mandato una maledizione.Insieme ad un vecchio genio e un giovane aspirante mago, Balordo cercherà di riportare la pace in quelle terre, certi che questo mistero sia opera di un Dio. Grazie all’aiuto delle Parche, i protagonisti sveleranno il terribile segreto che si cela dietro, incitando l’orso a continuare il viaggio alla ricerca di alcuni cristalli. Essi sembrano essere la causa degli assurdi fenomeni atmosferici.Altri due uomini cercano i cristalli, ma le loro intenzioni hanno un secondo fine: usarli nella guerra che la regina ha ancora intenzione di dichiarare.Il protagonista si ritroverà in una corsa contro il tempo mentre un’energia negativa continuerà a diffondersi su tutte le terre…

 

Precedente Collana - Dark Twin Successivo Intervista all'autrice Katia Arduini

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.