Intervista a Lyla, protagonista di ‘Die Party’ (Silvia Castellano)

Buona giornata di Santo Stefano a tutti voi, spero che al Natale di ieri non vi siate abbuffati troppo, e che abbiate ancora le forze per leggere le interviste ai personaggi pubblicate oggi.

Pronti?

La prima intervista è a Lyla, protagonista del romanzo ‘Die Party‘ di Silvia Castellano, pubblicato per la collana Starlight. Per saperne di più su romanzo e protagonista, scorrete di seguito: durante l’incontro tra me e Lyla sono pervenute informazioni vitali per capire se questo romanzo fa  o no al caso vostro. Secondo me, molti di voi ne rimarranno affascinati!

 

 

Questa volta devo avvicinarmi a un luogo che sento di non conoscere alla perfezione e, mentre mi stringo nel mio cappotto lungo e nero, cerco di rimanere concentrata su altri rumori, oltre alla musica assordante che proviene dalla discoteca a cui mi so avvicinando. Aguzzo le orecchie per percepire ogni rumore, ogni sussurro, insomma qualsiasi cosa che possa farmi capire che lei – la protagonista di quest’intervista – non sia dentro all’edificio, ma fuori che mi aspetta.

All’improvviso vedo con la coda dell’occhio un movimento alla mia sinistra, una ragazza mi fa cenno di avvicinarmi a lei.

“Ti chiami Lyla, giusto? È un nome con un suono molto dolce, mi piace! È originario della Germania come te?”

Mi sembra una buona domanda per rompere il ghiaccio, chissà se lei la pensa come me e, mentre aspetto la sua risposta, che spero arriverà presto, osservo i suoi capelli biondi illuminati dalla luce dei lampioni che adornano la strada e i suoi occhi verdi e grandi.

“In effetti no, deriva dall’arabo e significa ‘notte'” mi spiega. “Mia madre aveva una passione per la cultura araba”.

“I tuoi genitori” soppeso quelle parole sapendo quanto per lei sia importante quell’espressione. “Li hai mai conosciuti?”

Prima che possa parlare, proprio mentre sta inspirando aria per buttarla fuori sotto forma di parole, la interrompo un attimo. “Jan è la tua famiglia ora, giusto? Lo stai aspettando?”

Forse, ho pensato poi, potrebbe piacerle molto parlare dei suoi genitori, è per questo che ho cercato d cambiare argomento all’ultimo secondo.

“No, sono morti quando avevo pochi mesi. Comunque sì, Jan è quasi un fratello per me” risponde comunque sia annuendo. “Lui e Alex sono la mia famiglia”.

Sembra essersi lasciata sfuggire queste ultime parole, mi guarda di sottecchi e poi aggiunge: “Alex è cresciuto nella mia stessa casa famiglia” precisa, anche se effettivamente io non conosco cotale Alex.

“Sarei molto curiosa di conoscerli entrambi, davvero” annuisco più a me stessa che a Lyla. “Come mai sei qui da sola? C’è qualcosa di cui vuoi parlare? Credi possa aiutarti?”

La vedo sorridere e ne sono molto felice, vorrei farla rilassare un po’.

“Sto aspettando Jan…”.

Forse sta per aggiungere che va tutto bene, ma una voce alle sue spalle la blocca. Ci giriamo entrambe per vedere chi abbia parlato verso di noi e con noi: è un ragazzo che sta correndo e parlando allo stesso tempo.

“Ciao, Lyla. Lei chi è?” chiede con fare sospettoso.

“Si chiama Hanna, mi sta facendo un’intervista. Mi stava dicendo che sarebbe stata contenta di conoscerti”.

Jan fa un mezzo sorriso, poi dice: “Ciao. Cosa volevi chiedere a Lyla?

“Sono interessata alla sua storia, sapere cosa c’è che non va e se qualcuno, magari anche io, possiamo aiutarla. So per certo che ha un segreto in sè, non è forse così?”

Forse sono stata troppo diretta, ma il tempo sta per scadere: ogni volta che un autore è nelle vicinanze il mio sesto sesto da intervistatrice inizia a farmi agitare!

Vedo Jan a Lyla guardarsi nervosi, che abbia toccato un nervo scoperto?

“Non ne posso parlare, purtroppo, mi dispiace. Deve restare un segreto, è troppo pericoloso! Fino a poco tempo fa non sapeva nulla nemmeno Jan” mi risponde lei, diventando guardinga.

Magari vorrebbe davvero parlarne, ma anche se si è fidata di me fino ad adesso, penso che non possa andare più avanti di così.

“Ma, credimi, è una cosa incredibile” si intromette Jan. Non puoi immaginare cosa può…”.

A questo punto una gomitata di Lyla lo colpisce al fianco destro.

“Ehi, rana della bocca larga, ho detto che è un segreto!” esclama tra lo scocciato e il divertito.

Osservo i due amici e non posso trattenermi dallo scoppiare in una grande risata: sono così buffi. Lyla sta tenendo il broncio ma si capisce che vuol troppo bene al ragazzo per avercela con lui e Jan sta fingendo di fare l’offeso.

‘Siete proprio forti!’

Jan sta per dire qualcosa, quando Lyla mi prende per un braccio.

Sta arrivando!’

Tutti noi sappiamo a chi si sta riferendo e, a malincuore, saluto i due ragazzi e corro via. Nonostante sia molto curiosa della loro storia e di conoscere Alex, rimando quel momento alla lettura del racconto e filo via!

L’autrice sta arrivando e se con Alessandra Leonardi, collega di Silvia Castellano per Collana Starlight, non mi ha punito per aver parlato con i suoi personaggi, meglio non giocare con la fortuna due volte di seguito. Così, mi defilo.

 

Copertina & Trama

 

“Sei pronto per la festa più pericolosa dell’anno?”

Tutti conoscono il “Die Party”, la festa più apprezzata dell’anno. Molti si stanno organizzando per andarci, ma a Lyla non interessa trascorrere la vigilia di Natale in un posto in cui ci sarà tutta la scuola. Con un nome così non le sembra nulla di originale e ha già i suoi problemi con Alex, alias Mister Arroganza, colui che sarebbe in grado di spezzarle il cuore in pochi attimi. Ma Jan, il suo migliore amico, sa essere molto persuasivo e Lyla si ritrova suo malgrado a varcare la soglia del locale.

Quella che si preannunciava come una normale festa tra ragazzi, diventerà a poco a poco il party più pericoloso dell’anno.

Un segreto si annida tra quelle pareti, ma le carte non sono ancora state svelate…

E tu, aprirai quella porta?

 

Link d’acquisto

 

 

Cliccate nell’immagine qui sopra per essere rimandati all’evento facebook in cui la founder di questa collana – Jessica Maccario – sta presentando con interviste e curiosità le prime due autrici della sua collana Sarlight!

 

Per seguire l’intervista a Aleysha, la protagonista di ‘La fine del Tempo, la fine del Mondo’ di Alessandra Leonardi, cliccate sopra la copertina del suo romanzo, qui sotto!

 

 

 

A presto & Buona Lettura!

 

 

 

 

Precedente Intervista Speciale: a Ilenia Leonardini (autrice) e alla sua mamma (protagonista del suo romanzo) Successivo Intervista a Aleysha - 'La fine del Tempo, la fine del Mondo' (Alessandra Leonardi)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.