Focus – ‘I doni della Madre Terra’ di Chantal Lazzaretti

Siete pronti a una nuovo articolo per la rubrica #voceaipersonaggi?
Di seguito vi parlerò dei personaggi di Chantal Lazzaretti del suo romanzo ‘I doni della Madre Terra‘!

Trama: In un futuro lontano, il genere umano si trova coinvolto in un’avventura straordinaria alla riscoperta del pianeta Terra. Gli uomini arrivano da un mondo senz’anima, tecnologicamente avanzato ma ormai privo di risorse, per ritornare alle origini. Vogliono ripercorrere le orme dei propri avi, riscoprendo la vita senza le barriere e i filtri imposti dall’utilizzo costante della tecnologia. Madre natura è pronta ad accogliere i propri figli regalando loro gioie e sfide da affrontare. Tutto è nuovo e molte cose sono cambiate sulla Terra. Alexy vive sulla propria pelle quest’avventura e, insieme ai suoi compagni, scopre i misteri di questo nuovo pianeta. Il mare è senza dubbio l’attrattiva più grande e i suoi segreti richiamano l’attenzione della ragazza. Qualcosa la segue costantemente nelle sue esplorazioni marine e un ragazzo dai profondi occhi blu le compare davanti misteriosamente. Una presenza magnetica, ipnotica, che porta Alexy a innamorarsi di lui perdendo di vista la realtà. Fantasia e certezze si alternano. Nuovi luoghi ed esseri straordinari si susseguono mettendo in dubbio la presenza del ragazzo dagli occhi blu. Molte domande tormentano Alexy.

 

 

VOCE FUORI CAMPO: Infiliamoci gli scarponi da montagna, ci sarà da camminare. Abbigliamento comodo mi raccomando e, ovviamente, costume da bagno sotto se avrete il coraggio di tuffarvi in mare.

Venite non siate timidi! Questo aggeggio è un po’ strano, lo so, ma è il modo più breve per raggiungere i personaggi di questa storia.

Siete pronti? Entrate! Questa macchina del tempo vi porterà nel futuro!

Bornix: Ciao! Benvenuti stranieri! Ma cosa ci fate qui? Voi dovreste già esservi estinti!

Signor Realgar: Figliolo, non parlare così ai nostri ospiti. Sono venuti da lontano solo per conoscere la nostra avventura.

Bornix: Sarà! Ma paiono venuti fuori da un videogioco di quelli che imitano le epoche passate. Quindi loro conoscono già questo pianeta? La Terra?

Signor Realgar: Certo Bornix. Sono terrestri, i nostri avi, quelli da cui dovremmo imparare per sopravvivere qui, per ritornare alle origini.

Bornix: Quindi non conoscono la multibox? Le GD o gli Oculusbox?

Signor Realgar: No! Ti ho detto che vengono dal passato come possono conoscere queste tecnologie. Si trovano solo sul nostro pianeta natale, qui non si sono mai viste. Meglio non spiegargli cosa sono le GD, vero?

Bornix: Papà tu sei antiquato! Figuriamoci se loro non hanno mai fatto niente d’illegale!

Marcax: Non divagare coma al tuo solito Bornix. Sono qui per conoscere la nostra storia, non per avere informazioni sulle Grotte Deliranti del nostro pianeta.

Bornix: Oh! Alla buon ora! Ecco che il “pazzo omicida” ha deciso di venire a socializzare! Non fatevi impressionare da quella faccia da antipatico che si ritrova, posso assicurarvi che non mi ha mai torto nemmeno un capello.

Marcax: Finiscila Bornix!

Signor Realgar: Figli miei. Non mi sembra il caso di bisticciare davanti ai nostri ospiti.

Bornix: Li mettevo in guardia. Vedi come sta sempre sulle sue, con quella faccia da arrabbiato, sempre serio come se da un momento all’altro il cielo potesse caderci addosso. Digli di sciogliersi un po’ altrimenti i nostri ospiti scappano! (e scoppia nella sua tipica risata fragorosa)

Marcax non risponde. Taciturno si limita a fissarlo con i suoi occhi color nocciola severi e austeri come lo è tutta la sua solita figura.

Voce narrante: Tranquilli non medita di ammazzarlo. Sono soliti bisticciare in questo modo. Bornix è un simpaticone e si diverte a stuzzicare il fratello maggiore ma, Marcax, non ci mette molto a metterlo al suo posto. Come potete vedere il suo sguardo lo ha messo a tacere in un istante.

Signor Realgar: Miei ospiti so che siete di fretta e non avete tempo di stare a sentire queste cose inutili. Vi spiego io la nostra missione. Dunque…

Bornix: No! Mi dispiace! Chi è quello portato per le relazioni qui?

Marcax: Tu, ovviamente!

Bornix: Chi sono i due taciturni, studiosi della famiglia Beta?

Signor Realgar: Bornix non iniziare! Non vedi che hanno fretta?!

Bornix: Seguitemi signori miei, il cavaliere delle acque vi porta in questo luogo magico, in questa sorprendente avventura alla scoperta del vostro pianeta, della Terra e di quello che è rimasto dopo che il genere umano ha dovuto rapidamente abbandonarlo.

Sì, purtroppo devo darvi una brutta notizia. Il futuro della Terra non è molto bello, ma tranquilli voi sarete già morti! (e scoppia nella sua tipica risata fragorosa)

Non temete però, questo pianeta è forte!

Ora la storia si ripete. Il nostro pianeta di origine sta purtroppo diventando inabitabile. L’uomo non ha imparato dai suoi errori, ma forse noi siamo ancora in tempo per salvarci, per salvare tutti i nostri amici e parenti rimasti là.

Noi siamo la famiglia Beta e siamo qui, con altre dieci famiglie scelte per assicurare una discendenza al genere umano. Renderemo questo pianeta abitabile e creeremo una nuova vita per tutti, rispettando questa terra e abbandonando l’utilizzo della tecnologia.

Siamo eroi, paladini della giustizia!

Noi facciamo parte del settore caccia. Vedete là, i campi coltivati? E’ tutta opera nostra!

E vedete laggiù oltre la rupe? C’è il mare. E’ là che speriamo di trovare cibo in abbondanza. L’unica cosa identica al nostro pianeta natale, ma del mare non posso parlare, quello è un argomento di Alexy. S’infuria se sa che vi ho svelato troppo in merito.

In realtà, detto tra noi, anche Marcax è molto ferrato sull’argomento, ma è troppo preso dai problemi del mondo per potervi dire di più.

Ma dove sono? Li vedete?

Sono andati a lavorare! Li vedo nei campi. Che noia che sono quei due, sempre ligi al dovere!

Scappo signori miei. Augurateci buona fortuna!

 

 

VOCE NARRANTE: Venite, venite. Andiamo dove ci ha indicato Bornix. La spiaggia è la nostra meta ora. Purtroppo non potremmo conoscere tutti i partecipanti di questa spedizione, ma almeno le due sorelle della famiglia Delta devo farvele conoscere.

Sono qui sotto, oltre la rupe, vedete? Ci stanno salutando.

Presto sbrighiamoci. Non abbiate paura siamo nel futuro ma questa è pur sempre la nostra terra.

Il mare! Non è magnifico?! Guardate che visione. Uno spettacolo!

Dixy: Ciao stranieri! Benvenuti sulla Terra! Non è bellissimo qui?! L’ho scoperta io questa spiaggia. Dopo tante fatiche siamo riuscite a scendere e ora la stiamo perlustrando. Venite, venite vi faccio strada.

Ah! Lei è Alexy, mia sorella. (E s’incammina sulla sabbia atteggiandosi da diva del cinema)

Alexy: Ciao a tutti! Scusate l’egocentrismo di mia sorella. E’ fatta così. Se non sta sempre al centro dell’attenzione sta male. In realtà la spiaggia l’hanno scoperta i miei genitori, lei non ha fatto proprio niente!

Seguiamola, altrimenti inizia con la sua paternale. Fate un bel sorriso e annuite.

E’ una brava ragazza ma non capisce che è insopportabile quando si atteggia così. Guardate come cammina! Bah!

Comunque mi presento: Sono la protagonista della storia. Sarà il mio punto di vista a guidarvi in questi luoghi, ma non diciamolo a mia sorella, pensa di essere lei a dominare la scena!

Sembro una tipa tranquilla, un po’ timida e riservata ma presto conoscerete i miei pensieri più profondi e spero di riuscirvi a dimostrare che di coraggio ne ho da vendere!

Dixy: Allora avete visto le margherite? Sono come nel passato o le trovate più grandi? Noi abbiamo visto solo foto di quel fiore ma sembrano più grandi del normale anche se non so cosa si possa definire normale in questa situazione!

Ce l’avete la doccia nel passato? Perché qui hanno tutti la smania di ritornare alle origini ma credo che i terrestri avessero almeno un bagno decente in cui lavarsi, non solamente la tanica d’acqua gelata!

Alexy: Sorella non penso che ai nostri ospiti interessi molto questa cosa. Penso piuttosto che dovremmo parargli del mare!

Dixy: Ah già del mare, non pensi ad altro che a quello! Io parlerei di Marcax piuttosto. Lo avete incontrato? Vi ha parlato di me? Dai non fate i timidi potete dirmelo!

Alexy: Smettila con questa fissa Dixy. La nostra missione qui è di trovare cibo e il mare è l’unica cosa che conosciamo veramente. Abbiamo finito con tutte le analisi del caso? Vorrei immergermi!

Dixy: Ma sei matta?! Non fare l’incosciente. Dai andiamo su la mamma ci avrà preparato un ottimo manicaretto per pranzo.

Alexy: Sì, certo, ancora tartare di scarafaggi?

Ciao amici venite presto a trovarci. Sono convinta che presto inizieremo le esplorazioni marine. Un’avventura fantastica ci attende!

Dixy: Ciao! Salutatemi Marcax se lo vedete!

Alexy: Ma se l’hai visto due minuti fa!

Dixy: Non importa! Gli sarò mancata!

 

 

Ma chi sono? Cosa fanno qui?

Sono persone insolite, non hanno usi e costumi come i miei. Non capisco il loro linguaggio. Sono strani animali.

Li osservo nell’ombra nascondendomi in ogni anfratto, in ogni cavità buia mentre contiamoli  i loro strani movimenti.

Sembrano essere particolarmente interessati al mare. Perché mai, dunque?

Quella ragazza più di tutti.

Cosa dici? Pensi davvero che lo senta? Il richiamo del mare?Credi davvero che sia quella giusta? No, non può essere, era troppo tempo che…

Forse hai ragione! amico mio tu hai sempre ragione. Loro non possono comprenderti, ma io sì.

La luna ha parlato caro amico, ho sentito il suo volere e m’inchino a lei.

Ci penserò su, ma sai che fatico a ignorare i suoi consigli!

 

Si conclude qui la presentazione dei personaggi che ho organizzato con l’autrice per parlarvi dei suoi personaggi. Sono stata ENTUSIASTA di come è uscito l’articolo: penso sia molto istruttivo per noi lettori *-*

Che cosa ne pensate?

C’è qualche personaggio che vi attira più di altri?

A me intriga parecchio Diaseris qui sopra… 😛

 

A presto dolci #Cartivori miei ;D

 

Precedente La Carovana Blog Tour: pronti allo startup! Successivo Amore nel dettaglio: Julia e Kenneth di Katia Arduini

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.