‘Anche la morte ascolta il Jazz’ di Valeria Biuso – Recensione TLS

Il Jazz… Questo genere musicale nato per esprimere la speranza degli schiavi afroamericani agli inizi del ventesimo secolo… Così forte e con toni che ti prendono e ti fanno vibrare l’anima.

È questo il fulcro del romanzo di Valeria Biuso di cui voglio parlarvi oggi -> ‘Anche la morte ascolta il jazz’, storia che ho conosciuto grazie ai Servizi editoriali, di traduzione e di ufficio stampa per editori e autori Lucia C. Silver.

Vi annuncio già che uno dei protagonisti è uno scrittore alla ricerca di una grande e unica ispirazione, quanti di noi nella stessa situazione? Vi invito a leggere l’intera recensione per saperne di più.

 

 

 

Caratteristiche del romanzo:

 

Autore: Valeria Biuso

Titolo: ‘Anche la morte ascolta il jazz’

Genere: narrativa contemporanea

Editore: Ianieri

Caratteristiche: 344 pp. – cartaceo – ebook

Trama: William Brooks è un giovane scrittore alla ricerca d’ispirazione a zonzo per le livide strade della febbricitante e contraddittoria New York della fine degli anni ’40. Scrive recensioni per il Partisan Review, la rivista più radicale della città, e frequenta i locali storici del bebop, costipati da morfinomani, perdigiorno e hipster. L’inaspettato incontro con un lontano parente, l’azzimato e nebuloso Noah Tats, riesce però a scuoterlo dal languore in cui si sentiva da tempo impaludato. Una seducente e misteriosa promessa di consapevolezza illumina d’improvviso l’orizzonte di William. Ma la strada è ancora percorsa da fittissime ombre e pesanti inquietudini… Valeria Biuso racconta la crisi identitaria di una generazione, evocando il relativismo dei nuovi valori fondamentali e le antinomie irrisolvibili che governano la società occidentale. Poesia beat, moda, jazz, esoterismo, gusto fantastico e controcultura hipster si fondono in un’appassionata e trasversale ricerca di autenticità.

 

 

Recensione Tanosa:

 

? Entriamo nella trama.

 

Le prime righe di Anche la morte ascolta il jazz’ vertono intorno ai potenti squilli di una tromba che ha il potere di creare intorno a sé un’atmosfera da cui è poi difficile evadere. Una bolla di musicalità che insegue il lettore per tutto il tragitto del romanzo fino alla fine di questo. Difficile, quasi impossibile, non fermarsi a riflettere insieme a William e a ciò che sta vivendo con tutti gli alti e bassi che questo concerne.

William Brooks, è lui il protagonista che in cerca di una grande ispirazione, quella che può cambiare non solo la propria vita ma anche quella degli altri, si ritrova tra queste pagina ad attendere una scossa, una novità. Ed ecco che nella sua vita appare Noah Tats, una figura misteriosa quanto idiliaca che ha il potere di cambiargli anche quelle piccole certezze che lo scrittore sentiva di avere.

Nel leggere ho avuto l’impressione di amare e odiare allo stesso tempo Noah Tats, è una di quelle figure che sa farti ragionare, riflettere davvero, però allo stesso tempo il trovarlo sempre ovunque è un qualcosa che mi fa passare i brividi. Che sia una specie di coscienza di ognuno di noi? Sapete quando siamo consapevoli che dobbiamo ascoltarla, farle spazio, ma lo si fa controvoglia perché una parte di noi vorrebbe fare totalmente l’opposto? Ecco, si crea confusione nella testa e nel cuore…

William inizia un suo viaggio per ricercare un’amante perduta e trova, invece, qualcosa di più.

 

 

? Descrizione e Personaggi.

 

Sono rimasta colpita da quanto io sia entrata dentro la storia di Valeria – l’autrice – o per meglio dire di William – il protagonista. Questo è successo non solo per le descrizioni degli ambienti in cui i personaggi hanno portato avanti i loro movimenti e le loro azioni, ma soprattutto grazie alla sua capacità di farci entrare dentro lo stato d’animo di William. Ogni frase, pensiero, veduta, tutto è strettamente legato a ciò che William vede e sente.

I capitoli scorrono dentro una grande escalation di emozioni e sentimenti. Non solo William ha una crescita nella sua caratterizzazione dall’inizio della storia alla sua fine, ma anche ogni altro personaggio ha qualcosa di importante in sé. Non fate l’errore di non ascoltarli o non seguirli fino alla parola ‘fine’.

Mi vengono in mente diverse cose, diversi aneddoti da raccontarvi, ma purtroppo non sarebbe il massimo perché ‘Anche la morte ascolta il jazz’ è una lettura da far scorrere piano piano e gustare in ogni sua parte.

 

 

 

? Le faccine delle emozioni.

 

Come vedete in alto, proprio sotto la copertina, ci sono le ‘famose’ ? faccine che parlano delle emozioni che ho provato nel leggere tutto il romanzo. Anzi, approfitto qui per dirvi che non dovete assolutamente farvi abbattere dall’indecisione se leggerlo o meno nel rendervi conto di quante pagine in totale la scrittrice abbia accuratamente compilato per voi. Molte storie hanno necessità di più parole, pagine, righe, sentimenti, emozioni per essere pienamente descritte e capite. Prendetevi solo più tempo da dedicare alla lettura, tanto non vi mette fretta nessuno, promesso ?.

Tornando alla faccine ne vedrete ben due felici dettate dalla lettura piacevole che ho portato avanti con questo romanzo e una un po’ più contratta per le riflessioni che William e Noah mi hanno donato. E anche un po’, come dicevo più sopra, per la paura e forse ancora di più la consapevolezza che un po’ tutta la storia mi ha dato.

 

 

? Conclusione.

Sulle sensazioni ed emozioni provate e riflessioni vi ho già detto, cosa posso aggiungere? Ci tengo a dirvi che non ho riscontrato errori e che lo stile di Valeria Biuso è scorso veramente bene, niente intoppi. Sono entrata bene dentro il trascorso di William e, nonostante la lunghezza, mi sono ritrovata alla fine dopo pochi giorni dall’inizio della lettura.

Forse non è un romanzo per tutti, ci sono persone che ovviamente non lo apprezzeranno. Questo vale per ogni romanzo, raccolta di racconti, di poesie, fumetti, manga, di cui nella Tana vi parlo. Ma, come dico sempre, se vi sentite anche solo un 1% affine a una storia, credo, che sia importante per voi dargli una possibilità.

 

Il Jazz aspetta solo voi…

 

Vi mando i più dolci e tanosi abbracci lasciandovi la copertina con annesso il link di acquisto, cliccatesi sopra e sbam… Fatemi sapere ?.

 

Precedente Buon secondo compleanno alla Tana - GRAZIE! Successivo Intervista a Oriana Capobianco - autrice de 'Il riflesso di te in me'

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.